Domenica all'Ikea

Per una abituata a vivere a 10 minuti dall'Ikea, si sa, le polpettine con la salsa ai mirtilli hanno perso da tempo ogni mistero, ma vi è amarezza più grande di chi, abituato ad andarci anche solo per il gelato,all'improvviso si ritrova confinata in un'isola il cui punto Ikea più vicino dista circa 700 km??

Potete ben immaginare, quindi, con quanta gioia io abbia prima sperato, poi evocato e poi visto erigersi la prima Ikea siciliana, e l'emozione della mia prima visita, di cui ho parlato in questo post.

Resta il fatto che Catania è comunque a due ore e mezza di strada: fattibili, certo, ma non propriamente dietro l'angolo.
E così, mi tocca organizzare vere e proprie spedizioni, tipo quella di ieri: giorni e giorni a fantasticare su come verificare la corretta apertura dei cassetti Lindigo, tagliare metri e metri di stoffe natalizie con cui probabilmente non farò nulla, e, ovviamente, sgraffignare matite.
Invece.. che spedizione infruttuosa!!! Devo avere un qualche voodoo svedese addosso, visto che ogni volta che ci vado scelgo inevitabilmente la giornata meno adatta :(
Stavolta il problema è stato il fattore meteo: come dire, andarci la prima domenica di cattivo tempo vuol dire incontrare tutte quelle persone che negli ultimi 5 mesi hanno passato i week end al mare, rimandando la loro visita all'Ikea.. a ieri!!! 

Ma non sia mai detto che io possa uscire dall'Ikea senza averci lasciato un po' dei miei sudatissimi risparmi e così..
...ho preso qualcosina per la casa...

...qualcosa per la cucina...

...piantine in offerta speciale...

...e naturalmente qualcosa alla bottegha svedese!












8 commenti :

  1. ...e tu pensa che io ancora rimando!!!
    Complimenti per gli acquisti...
    Baci baci...

    RispondiElimina
  2. Che peccato aver trovato la gande folla!
    Però hai fatto proprio degli acquisti carinissimi!

    RispondiElimina
  3. ciao ragazze!!! sapete qual è il vero problema?? che coi pirottini non so assolutamente cosa farci.. nella storia umana non c'è uno, dico uno, dolce che mi sia venuto bene!!!

    RispondiElimina
  4. potresti provare coi muffin!
    io faccio parte di quelle che ci abitano a 10 minuti e ci lavorano a 5 minuti.. ci vado circa una volta al mese anche solo per mangiare in pausa pranzo! e ovviamente non torno mai a mani vuote!

    RispondiElimina
  5. Sì i muffin sono un buon uso per i pirottini, oppure se dici che i dolci non ti vengono potresti farci delle tartellette di pasta sfoglia riempite con, bho, polpa di granchio, oppure melanzane tagliate a cubetti piccoli e trifolate, oppure funghi con un po' di besciamella...

    RispondiElimina
  6. Che vita sarebbe senza l'Ikea???
    Baciotti
    paola

    RispondiElimina
  7. mi sto organizzando, bimbe.. tornerete a sentir parlare di me!

    RispondiElimina
  8. Ah come ti capisco!

    Impossibile entrare all' Ikea per dare solo un' occhiata!
    Io come minimo esco con un carrello pieno...accidenti!!!

    Per quanto riguarda il mio post:
    La Mudroom, letteralmente stanza del fango, è una cosa furbissima a mio parere: una stanza, o una parte di essa, adiacente all'entrata (magari quella secondaria) dove, prima di entrare in casa ci si libera di scarpe, stivali inzaccherati, ombrelli, attrezzi da giardino e quant'altro. In modo da non portare "il fango" in casa! Ecco qua! In giro per il web ce ne sono davvero di bellissime!!!

    Grazie per essermi passata a trovare!

    fra

    RispondiElimina

Your comments feed my blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...