Scene da un matrimonio

L'altro giorno, mentre scrivevo il post sulle bridzillas, mi sono sentita fortunata per non essere stata una di quelle spose che ci tengono che tutto fili per il verso giusto, tutto esattamente come programmato.

Fortunata perché, in caso contrario, mi sarei rovinata il matrimonio...

Scena 1
Sono in albergo, fresca di trucco e acconciatura, e mi accingo ad infilare l'abito con l'aiuto di mia madre e qualche amica. Mi accorgo che su una spalla spunta una di quelle spalline interne che servono a reggere l'abito sulla gruccia e "mamma, per favore, mi tagli via questo nastro..?"
ZAAAAAC!
(lei sostiene di aver capito che volessi tagliare l'intera spallina. Anche quando.. a un'ora dalla cerimonia?? E senza neanche cercare di dissuadermi?? E solo UNA spallina?!?!).

Scena 2
Arrivo in chiesa circondata dalla mia nuvola bianca, parte la marcia nuziale, mio papà mi accompagna lungo la navata, Daniele è in fondo ad aspettarmi, io lascio il bouquet alla mia testimone, prendo per mano il mio quasi-marito, mi volto verso l'altare e... ooops! Non c'è nessuno! Primo matrimonio della storia in cui la sposa è in orario e il prete in ritardo..

Scena 3
Siamo alle letture: uno zio scelto per la sua bella voce baritonale (ma non per le sue diottrie) sale al leggio e parte col Vangelo. Peccato solo che, anziché la pagina sulla destra, accuratamente indicata dal segnalibro ed indicante una significativa storia di amore coniugale cominci a leggere una roba che più o meno suona così "Cari fratelli, oggi siamo tutti qui, circoncisi e non circoncisi..." e va avanti imperterrito finché il prete non gli mette una mano sulla spalla e affettuosamente gli dice "Va bene, questa l'abbiamo letta abbastanza.. ora leggiamo l'altra..".

Scena 4
E' il momento dell'omelia: il prete ci da qualche illuminante consiglio sulla vita matrimoniale e poi chiosa dicendo "..e di queste parole ricordatevene sempre: tu, Daniele, mentre svolgi la tua professione, e tu, Iole, mentre sarai a casa a girare il sugo..".
Nel filmato si vede chiaramente mio padre soffocare le risate e la sottoscritta che volta la testa sbigottita verso il suo nuovo marito sussurandogli "Danie'... ma questo avesse capito che sei tu quello che manda avanti la famiglia?!?"

Scena 5
Cerimonia finita, ricevimento finito, salutati gli ultimi amici, due novelli sposi salgono sulla mitica Matiz per raggiungere l'albergo dove trascorreranno la loro avventurosa prima notte di nozze.
Peccato che la suddetta Matiz era stata lì condotta da un cugino neo-patentato (capace ancora oggi di negare qualunque responsabilità in proposito), e, insomma.. dopo pochi km ci pianta nella buia campagna agrigentina, vestiti da sposi, senza cellulari addosso, ma in compenso con la cospicua dotazione di denaro contante dei regali di nozze.

Alle 3 di notte.

Nel mezzo del nulla.

10 commenti :

  1. Risposte
    1. sono preti, cosa vuoi che capiscano..

      Elimina
  2. Ah, ah, ah! Più tardi torno a raccontare le nostre chicche. Ma a che dobbiamo questi ricordi matrimoniali? Anniversario?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccomi qua. Allora...cominciamo con la pioggia (vabbé, a dicembre la devi mettere in conto) e la zia che, dopo aver sollevato il mio vestito perché scendessi le scale, lo lascia cadere sl marciapiede infangato; proseguiamo con la Genitrice che non porta in chiesa la stola di volpe, perché io le avevo detto che durante la cerimonia non la volevo (ma dopo mi avrebbe fatto piacere, ovviamente!...e quindi freddo e gelo); concludiamo con l'arrivo la sera in una casa gelida e SENZA CIBO, perché l'A. B., incaricato della spesa, se n'era dimenticato.
      Vuoi altro?

      Elimina
    2. voglio una raccolta.. la chiamerò scene da un matrimonio e la utilizzerò per tormentare le spose..

      Elimina
  3. ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahha!!!!!!!!!!!!!!!!!!! esilarante!!! e in tutto questo tu hai sempre mantenuto la calma?!?! Congratulazioni! :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che sono naturalmente portata a prendere con spirito le disavventure..
      più o meno..

      Elimina
  4. Va bè, sarò ripetitiva e noiosa, ma io quando ti leggo mi diverto troppo, anche nelle (tue) disavventure. =)))
    Dani

    RispondiElimina
  5. Troppo divertente!!!!!

    RispondiElimina
  6. per inciso, il prete ha fatto lo scherzetto anche a noi: 5 interminabili minuti nel silenzio più imbarazzante che io abbia mai vissuto :)

    RispondiElimina

Your comments feed my blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...