Wedding Card per Anna & Nicola

In ritardo clamoroso (ma solo perché gli avvenimenti che vi racconterò tra breve mi hanno impedito di farlo prima) vi mostro una card che avevo realizzato per il matrimonio dei miei amici Anna e Nicola.

La card in sé è un remake di una analoga che avevo realizzato quasi un decennio fa, adattata però ai trend attuali e soprattutto ai colori che gli sposi hanno scelto per il loro matrimonio. Ho addirittura trovato un frammento della stessa carta con le scritte tipografiche love, poi dice che uno non dovrebbe conservarsi ogni più minuscolo frammento di carta... 
All'interno gli auguri ed una piccola bustina contenente il mio regalo per le nozze.

Come mai tutto questo ritardo?

Semplicemente perché, in linea con il periodo nero che ha funestato negli ultimi mesi la nostra famiglia con infarti, rotture delle anche, aneurismi e ulcere perforate, la sottoscritta ha pensato bene di dare il suo contributo esibendosi in dei più modesti calcoli renali.
Non fosse che, data la situazione già problematica all'origine dei miei del mio rene, i medici hanno deciso di tenermi sotto osservazione in attesa che facessi la tanto sospirata pipì che mi liberasse dai predetti calcoli.

E così mi sono persa tante cose: il matrimonio dei miei amici, la definizione delle prese elettriche in casa (pare poco, ma solo per caso ho scoperto che mio marito non avrebbe ritenuto necessaria la luce in veranda), un pranzo di lavoro che si è rivelato determinante nell'assegnazione di alcuni incarichi...

Prigioniera di una pipì!!!!

(sì, lo so che c'è di peggio..)

Comunque tutto si è risolto per il meglio, e nessuno può impedirmi di pensare che, proprio nel momento esatto in cui i miei amici pronunciavano il loro sì, io mi sia esibita nella più liberatoria delle pipì..

10 commenti :

  1. Risposte
    1. grazie 1000 stefania!!!

      Elimina
  2. Io detesto i reni come concetto di logica della funzione... (che a loro manca... la logica intendo). se si potesse vivere senza me li sarei fatti togliere senza scrupolo alcuno da mo! Gira voce che la colica renale sia tra i dolori più dolorosi che ci siano!

    Insomma viva le urinate liberatorie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, devo ammettere che, nonostante io sia famosa per avere una soglia di sopportazione prossima allo zero, la colica in sé non è un'esperienza particolarmente piacevole.
      purtroppo è la seconda volta che mi capita, e a questo punto non posso più sperare nella sporadicità dell'occasione..

      Elimina
  3. Risposte
    1. Bello il biglietto, meno bello il tuo periodo...ma l'importante è venirne fuori!

      Elimina
    2. sì, ecco, subito dopo i calcoli ci sono stati l'aneurisma e l'ulcera perforata.. a 'sto giro a capodanno una bomba di maradona me la compro anche io..

      Elimina
  4. Felice di sapere che le cose si sono sistemate, però la bomba di maradona la eviterei...l'anno è stato troppo sfigato e potrebbe fregarti all'ultimo secondo.
    Lascia stare!!!!
    Scherzi a parte, un grosso bacio e l'augurio che l'anno nuovo ti porti salute e serenità.
    :*

    RispondiElimina

Your comments feed my blog!