Progetto Condivisione II

Solo pochi post fa mi ero ripromessa di dare una svolta altruistica al mio blog pubblicando di tanto in tanto qualcosa che potrebbe essere utile anche per gli altri (leggasi: non le solite tirate autoreferenziali, che aiutano solo me stessa nello sfogarmi con l'universo mondo per le mie idiosincrasie).

Poi, però, ovviamente, parlare di sé è così facile e gratificante che ci ricado ogni volta!

Così, dopo la prima puntata (Project Life Printables), ho pensato di raccogliere per voi link a qualcosa che non sia strettamente legato al PL, visto che la quasi totalità dei miei (19!! Stiamo registrando un aumento esponenziale, compresa una tizia svedese che mi chiedo fortemente cosa capisca delle mie farneticazioni) lettori gliene sbatte una cippa dello scrapbooking in generale, figuriamoci del PL.

Quindi, con una virata di 180°, ho deciso di parlare di una questione che mi sta assai a cuore, quasi quanto i misteri del numero 37 o, che so, la differenza tra bagnoschiuma e docciaschiuma: come organizzare al meglio la propria casa, in modo particolare quando lo spazio scarseggia, ma più in generale affinché tutto venga disposto in maniera logica e funzionale

E' un pensiero che mi attanaglia, giuro! A place for everything and everything in its place potrebbe essere il motto da incidere sui miei stendardi (certo, magari suonerebbe un filo meno minaccioso di Winter is coming o Hear me roar, ma non si può avere tutto).
Il che potrebbe erroneamente portarvi a pensare che casa mia sia una di quelle immacolate abitazioni che si vedono sulle riviste di arredamento, con superfici polvere-repellenti, simpatici cuccioli che evidentemente non perdono pelo e fiori freschi in ogni dove: assolutamente no! Casa mia è un coacervo di roba buttata in ogni angolo e ripiani invasi da qualsiasi cosa, un po' perché gli abitanti sono irrimediabilmente pigri e lasciano in giro l'impossibile, un po' perché essendo piccola e con pochi posti dove riporre le cose, molte di queste, poverine, un proprio posto non ce l'hanno proprio e intasano quel po' di spazio che trovano...

Tornando a noi, da dove vogliamo cominciare? Io direi dalla stanza per definizione più vissuta, ossia la cucina (per ogni immagine vi inserirsco i link ai vari siti di provenienza):

Qui è come Martha Stewart tiene in ordine i propri attrezzi (e sono solo tre cassetti.. sul suo sito trovate quelli di tutta la cucina!):






















Perché sì, diciamocelo, chi di noi non possiede 3 o 4 spremiagrumi in legno ed una quarantina di misurini varii? Per tacere il fatto che quella batteria di coltelli io non la metto insieme neanche radunando tutti quelli del condominio...
Però mi piace da morire l'organizzazione dei cassetti in reparti ben separati uno dall'altro e adattati al proprio stile di cucina, cosa facile da realizzare, immagino, visto che anche Ikea vende quei separatori (anche se non ho mai capito come si regolano.. boh..).

Altre idee geniali:


Usare i bastoncini delle tende a finestra per creare dei ripiani all'interno delle mensole, che separino le cose larghe e piatte, in maniera tale da poterne sfilare uno senza doversi portare via tutti gli altri.

Se tenete le pentole in un cassettone, gli stessi bastoncini possono essere usati contro una delle pareti per separare i coperchi e le padelle dal pentolame vero e proprio.













Genialata bella e buona: gancetti fissati qua e là per creare spazio extra per tutto ciò che si può appendere!














 




Idem con questa rastrelliera da fissare all'interno di uno scaffale per conservare i vari rotoli da cucina (carta da forno, argentata, pellicola..)










 Per quanto riguarda l'ordine all'interno del frigorifero, ci sono letteralmente centinaia di siti che propongono criteri diversi.. ma secondo me finiscono tutti per essere un po' ingestibili, visto che il frigo è un ecosistema in continuo mutamento, sottoposto costantemente a razzie sistemiche e rimpinguamenti un po' casuali (tipo quando torno dalla spesa carica di borsoni e infilo tutto dentro alla bell'e meglio).

Sul freezer, però, mi piace avere un minimo di criterio in più, specie nel senso di separare carne, verdure e pesce, come mostrato dalla foto qui accanto (il sito da anche ottimi consigli su cosa surgelare e per quanto tempo conservarlo).

EDIT: ho provato di tutto, ma veramente di tutto, per scrivere sulle vaschette di alluminio che occupano il mio freezer, dalle penne per cd al nastro di carta da appiccicarci sopra... avete mica un trucco da condividere???




E voi? Qualcuna ha idee geniali da condividere???

16 commenti :

  1. Non vorrei parlare di idee geniali anche perché, non ne ho! XD

    Però volevo sottolineare che la vita da fuori sede, che mi permette di condividere una casa con altre quattro (da quest'anno 5) persone mi ha dato le basi (e ha funzionato anche da corsi di aggiornamento, master e compagnia bella) sulla sistemazione del frigorifero - ma soprattutto freezer -! Questi ultimi sono suddivisi in percentili perfetti che nemmeno l'istat potrebbe calcolare, con ripiani anche minuscoli resi a misura di "fettina di pollo"... soprattutto la cosa più strana che ho scoperto è che quando si sbrina il congelatore, quest'ultimo improvvisamente ne giova in cm cubi in una maniera impressionante, e il segreto per farci andare quanta più roba possibile è rendere le cose il più "parallelepidiche" che si può!

    Altra cosa veramente interessante è l'uso di gancetti per appenderci il tagliere, almeno il filo volante che gli legano assume un significato altresì incomprensibile alla mia logica :)

    Invece i set di mestoli che sono superingombranti, ora li danno anche in dotazione con delle magnifiche bacchette da appendere al muro coi rispettivi ganci che danno anche un tocco di grand gourmet perfino alle cucine più lugubri!

    Ciao!! :)

    RispondiElimina
  2. Idee geniali proprio no!
    E tutte le volte che leggo blog, o peggio salto sul sito di Martha, mi accorgo che sono una casinista totale.
    Io ci provo a tenere in ordine, ma poi essendo in 4, con 8 mani, comprenderai che l'ordine per tutti ha un significato un po' vago.
    Per il frigo,quoto in pieno quanto da te detto. Come si fa a tenere un frigo ordinato per un giorno? 1) O fai dieta 2)O sei single e maniaca dell'ordine.
    Io ti seguo sempre, tra quei 19 follower fedeli mi hai inclusa? Leggo tutto e commento quando nessuno mi stressa che vuole il pc.
    Buona estate!!1 :D

    RispondiElimina
  3. @therese: sai quale sarebbe il mio sogno? un freezer tutto pieno di vaschette di alluminio, quelle piccole, impilate una sull'altra e ognuna con la propria etichettina. un freezer nazista, in pratica.
    Azz, mi è venuto in mente un'edit per il post, vado subito ad integrarlo!

    @giuli: hai visto che ho partecipato al just a minute?
    comunque quelle foto da riviste sono proprio irreali.. e perché, le foto delle craftroom?? io già creo poco di mio, se il tempo lo dovessi dedicare a risistemare lo spazio... addio!!!

    RispondiElimina
  4. La mamma - da brava mamma - mi rulla la carne rigorosamente nella pellicola in modo tale da poter capire se si tratta di pollo, tacchino, bovino o equino....XD qualche volta ho usato la carta stagnola e sopra gli ho appiccicato quelle etichette che solitamente vanno dei quaderni... l'unico problema del congelatore zen è che, nonostante tutta la buona volontà che io ci possa mettere per tenerlo in ordine, nel momento in cui devo ripescare qualcosa che sta nel fondo, puf, tutto sottosopra... il massimo sarebbe uno di quei frigo che hanno il congelatore gigante a ripiani, messo sotto al frigo... il mio suggerimento comunque quello di utilizzare le vaschette di polistirolo che sono bianche e gli si può scrivere facilissimamente a penna! Certo non avranno lo stesso fascino dell'alluminio ma si presentano mopto bene!

    RispondiElimina
  5. Invidio la vostra buona volontà. Per il freezer il mio massimo è la scritta del contenuto sulle buste trasparenti. Ma, in ogni caso, manca il tempo di permanenza ,viste le mie bocche fameliche. Per il resto, figlia degenere di madre maniaca dell'ordine, mi arrabbatto come posso.

    RispondiElimina
  6. ciao Iole! scusa se scrivo qui, non c'azzecca affatto, ma nel post del 18.07.13, ti ho lasciato un commento... posto che sono cecata, mi dici dov'è l'email?
    ps: non so se è casualità, ma il contenuto dulle buste x congelare, lo scrivo con una penna normalissima a punta larga... funziona!
    ciao!
    Angela, ct.

    RispondiElimina
  7. @therese: ma la carne arrotolata, per quanto poco ingombrante, mi priverebbe dell'induscusso agio del tirare i petti di pollo in padella belli e congelati, per tutte quelle volte che dimentico di scongelare in tempo... no??
    cmq la pellicola è una genialata.. solo che le vaschette mi servono comunque per i sughi o le zuppe... uhm.. to be continued..

    @dolcezze-di-mamma.. ehm.. come ti chiamo?? comunque, se la busta è trasparente, ci sarà mica tanto bisogno di scriverci fuori il contenuto, no? :P
    mi hai fatto tornare in mente quando dall'ufficio ho chiamato casa per dire a mio marito di scongelare delle salsicce e lui mi chiedeva cosa c'era scritto fuori.. e io a sbraitare nel telefono "sono salsicce, ce la puoi fare a riconoscerle!!!"

    RispondiElimina
  8. E no, mia cara, si deve scrivere fuori non solo il contenuto, ma anche le quantità e la data di congelamento altrimenti o rischi di scongelare 3 cotolette x 5 persone o di mangiarne x 3 giorni! A parte le salsicce. .. mi spieghi come distingui in una bustina un taglio di carne da un altro? Liria (credevo di essermi già presentata!)

    RispondiElimina
  9. @liria (ma è il tuo nome? lo trovo bellissimo!!!) ahhhh okkey, l'incomprensione sta nella differente composizione del nucleo familiare: qui siamo in due, e ogni cosa viene porzionata solo per due.
    fattore due, la mia limitata capacità culinaria: i miei menu di carne si limitano a pochi, ripetitivissimi tagli di carne :(

    RispondiElimina
  10. Giusto! È solo una "questione di scala" (hai letto l'omonimo racconto di Bradbury? ). Sì , è il mio nome, ereditato dalla nonna. Piace molto anche a me.

    RispondiElimina
  11. La genialata dei sughi è questa: munirsi di contenitori porzionati per due o tre persone (quindi piccolini); preprarare il sugo o i legumi in quantità (moltiplicare il fattore due almeno per 4!); mettere i contenitori nel congelatore e congelarli per bene - fin qui nella norma -; non appena sono congelati, uscire i contenitori dal frigo, uscire il sugo o qualsiasi liquido ormai ridotto a mattoncino, dai contenitori; prendere un sacchetto capiente; disporre i mattoncini ordinatamente uno sull'altro; mettere il sacchetto in freezer, lavare i contenitori e quando serve il sugo uscire un mattoncino che si puo far scongelare direttamente mettendolo a riposare nella pentola!
    ;)

    RispondiElimina
  12. Questa idea mi sembra ottima. Quando lavoravo fuori (troppo lontano x usare i surgelati)mia madre preparava i legumi e i sughi in vasetti di vetro che poi bolliva. Utilizzo il tuo sistema per surgelare gli aromi ( prezzemolo basilico etc.oppure il succo dei limoni usati x il limoncello) nelle vaschette del ghiaccio. Quando servono...direttamente in pentola!

    RispondiElimina
  13. @liria: bradbury, segnato ;)

    @therese: tutto fantastico, ma... quali sono questi mitici contenitori a mattoncino? avevo pensato alle formine da ghiaccio, ma poi vado in crisi perché non so quanti cubetti ci vogliono per un piatto di pasta.. barattolini no perché il collo è sempre più lungo della "pancia".. il vetro non stacca bene.. formine in silicone? tipo muffin?? abbiamo altre idee??

    RispondiElimina
  14. http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/80251551/ questi per esempio li vendono all'ikea! Quelli più piccoli messi nella fila davanti vanno benissimo!

    I cubetti da ghiaccio li uso per il pesto! Congelo il pesto nella forma poi lo scubetto, lo metto in un sacchetto (ovviamente quando dico "lo" mi riferisco a mia madre che si occupa della mia vita alimentare surgelata da studente fuori sede XD) e quando metto la pentola a bollire (questo lo faccio io ;D) esco due cubetti ad personam e viene abbondante! Altra soluzione per il pesto è surgelarlo dentro ai bicchierini di plastica che poi si tolgono e si buttano, ma il contenitore per il ghiaccio è più eco!

    RispondiElimina
  15. Ah e vorrei condividere con voi quest'altra luminare idea! mia madre ha persino surgelato lo spezzatino di carne coi piselli dentro i contenitori! Due ore prima di cena le metto a scongelare, poi le scaldo in microonde e il gioco e fatto! Così sembro una scansafatiche che non cucina nulla, a dire il vero non è così perché adoro cucinare però per le emergenze i trucchi di mia madre sono dei salva-pasto! Sono tornata alle 8 di sera? Fuori lo spezzatino precotto! Non c'è a casa nemmeno una scatoletta di tonno per condire la pasta? Fuori i cubetti di pesto! ... e così via! :)

    RispondiElimina
  16. ah ma anche io congelo lo spezzatino senza nessuna remora (e la moussaka, il minestrone, le zuppe, la parmigiana..)!

    pensa che quei contenitori ikea ce li ho anche (o meglio, li avevo portati in ufficio per tenerci sale/zucchero/caffè solubile.. in effetti è un bel po' che non li vedo in giro)

    RispondiElimina

Your comments feed my blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...