Me, myself and... Project Life!

Il post dell'altro giorno lasciava spazio ad una lecita domanda (formulata infatti nei commenti da Rosa.. ehi!! Ma allora nonostante tutto qualcuno mi legge!!!): 

"...e poi??"

Sì, perché le premesse non erano delle migliori: poca voglia, poco tempo, poco spazio.. come si fa a riprendere in mano la propria attività creativa con questi presupposti?

Poi, poi, poi... poi, semplicemente, ho scoperto il Project Life.

Dubito che nel mondoscrap ci sia ancora qualcuno che non lo conosca, ma, a beneficio dei miei due lettori, ecco spiegato in poche parole di cosa si tratta: avete presente il formato classico di una pagina scrap, 30*30 cm?
Ecco, immaginatevelo diviso in più riquadri di vario formato.
Ora immaginate che ciascun riquadro venga riempito da una foto, un decoro, una storia.. ed ecco che l'intera pagina è una settimana della vostra vita, scrupolosamente registrata per i posteri.
Semplice, no?
Una veloce ricerca su Pinterest vi mostrerebbe meraviglie che gli umani neanche immaginano..

Eccovi qualche esempio:

Davvero belli, no???


E, per quanto mi riguarda..

Perché il Project Life mi ha conquistata al primo sguardo, e perché è riuscito addirittura a smuovere la mia apatia creativa?

1) Il formato: il fatto di poter assemblare singolarmente gli elementi che compongono una pagina, mi facilita di parecchio sia la fase progettuale (lavorare sul 30*30 non mi è mai stato troppo congeniale), sia l'esecuzione, dati i problemi di spazio e tempo che ho esposto in precedenza.

2) L'obiettivo: è sciocco accorgersene solo a posteriori, ma il PL racchiude in sé quello che la sottoscritta ha sempre cercato nello scrap: una testimonianza (abbellita, arricchita, romanzata finché si vuole) del quotidiano, del tran tran, dei serial che guardo o del meteo della settimana, della serata fuori e dell'influenza fulminante, fino a quei periodi in cui non c'è letteralmente nulla da dichiarare, e allora non resta che fare proprio questo.. parlare del nulla!!

3) Le risorse: per quanto in commercio esistano meravigliosi ed accattivantissimi kit pensati apposta per il PL, mi sono ufficialmente impegnata con me stessa a non acquistare nulla di nuovo finché non avrò utilizzato buona parte dei materiali già in mio possesso.
Di nuovo, qui mi viene in aiuto il formato ridotto dei vari elementi, che mi permette di riciclare i rimasugli di carte che non ho mai avuto cuore di buttar via.

4) Il fantastico mondo dei printables: ragazzi miei, là fuori c'è un intero universo di risorse gratuite, basta solo una buona dose di pazienza e una buona stampante! Io, poi, che arrivo in netto ritardo su tutto, posso tranquillamente scaricare i freebies messi a disposizione dalla Opera Pia del web nel corso dei 2-3 anni precedenti.. miniere e miniere di materiale! E, siccome sono buona, voglio condividerli con chi legge questo blog.

Poi, ca va sans dire, da cosa nasce cosa, e nel tempo sto perfezionando il mio Decalogo della Project Lifer, portando avanti un'opera di decluttering selvaggio, scoprendo nuove forme di espressione e.. ancora qualcos'altro! 
Ma diamo tempo al tempo, vi mosterò qualcosa nei prossimi giorni...








4 commenti :

  1. molto molto bello il tuo blog, ci sono arrivata per caso e già mi piace :)

    RispondiElimina
  2. ma grazie!!! i miei lettori ora sono ufficialmente tre.. io ho letto il tuo, e, no, cavolo, il texas è grande.. cioè... diamo qualche riferimento più preciso..

    RispondiElimina
  3. Lucy15:52

    Vabbè, ma io ti leggo sempre! Quindi siamo in quattro! :-D

    (Scrivimi a Lucyvanpelt78 chiocciola yahoo punto it così ti mando tu-sai-cosa)

    RispondiElimina
  4. okay, quando arrivo a 10 metto in palio la cuccia di pallina!!!

    RispondiElimina

Your comments feed my blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...