Dukan: un anno dopo

Qualche giorno fa mi è arrivato un commento un po’ particolare, nel senso che se non fosse stato per la notifica automatica non l’avrei mai e poi mai potuto notare.
Avrei voluto rispondere con un altro commento, ma l’autrice aveva già misteriosamente cancellato il suo, e poi a me due righe non bastano mai, e così.. vi sorbite anche il revival delle ere dukaniane.


Bilancio di tutta l’esperienza: 23 kg persi in circa 8 mesi, e, ad essere onesti, ripresi in più o meno altrettanti. Suonerà strano, ma nonostante tutto sono ancora una convinta sostenitrice di questa dieta in particolare, o quanto meno sono ancora convinta che sia un tipo di dieta adatto a me, alle mie abitudini, esigenze.. e soprattutto alla mia piscologia.
Mi spiego meglio: la parte fallimentare (=  la ripresa del peso) è tutta-tutta-tutta imputabile alla sottoscritta: dopo 8 mesi di sacrificio non ho seguito neanche uno dei consigli di Dukan, ho saltato la delicatissima fase di assestamento per tornare a mangiare in maniera normale, anzi.. senza limiti di nessun genere.
A mia (parziale) discolpa potrei dire che il periodo in questione non è stato uno dei più semplici della mia vita, ma, si sa, disgrazie e separazioni capitano anche agli altri, senza che per questo si cerchi consolazione in un Big Mac. Vabbè..
Comunque, credo ancora nella filosofia dukaniana. Con questo non voglio dire che sia una dieta che raccomando a tutti, ci mancherebbe: innanzitutto perdere peso, soprattutto quando non parliamo dei 3/4 kiletti accumulati in inverno ma di perdite più importanti, è un processo delicato e complesso, che mette in campo le variabili più disparate (fisiche, chimiche, ma soprattutto psicologiche) vi dirò di più: una delle poche certezze che mi porto dietro nella vita è che non esiste un rimedio buono per tutti, ma che ognuno deve (spesso faticosamente) trovare una propria via.
Il discorso Dukan, in particolare, presuppone un buon quadro di salute generale da cui partire (certificato dalle analisi, da rifare poi durante il corso della dieta e al suo termine).
Detto questo, per me resta un regime valido, checché ne dicano i suoi detrattori, che il più delle volte parlano per partito preso, senza curarsi di approfondire le basi della dieta prima di attaccarla, il che genera acclarate falsità tipo quella della “dieta senza verdure” o “dieta di sole proteine”.
Ecco.. dopo tutte queste riflessioni, vi sembrerà strano che ora confessi di aver chiuso per sempre con il fromage blanc e il glutine. Ma c’è poco da fare: la premessa è quella delle condizioni di salute di partenza, e, se pure con rammarico, dopo le più recenti scoperte sulla mia anatomia dobbiamo concludere che non fa per me.
Vi confesso che, paradossalmente, la cosa mi destabilizza: tornare all’ipocalorico, ai misurini, alla bilancia.. è tutto molto strano..
Tant'è: per la prima volta nella mia vita, la decisione, e perfino il tipo di regime alimentare, non è una mia scelta, ma mi viene imposto dall'esterno.
 Intanto, io corro...
 

5 commenti :

  1. E' la cosa migliore Iole. Fare moto. E, almeno per me, è pure piacevole.

    RispondiElimina
  2. Concordo con le tue parole, tutte.
    Poichè Dukan è invece per me l'unica soluzione possibile
    da lunedì si riapre un altro lungo periodo di organizzazione mentale.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. E' facile perdere peso con la dieta Dukan, secondo me può essere utile per dare uno strattone e far perdere una iniziale quantità di peso che possa servire a dare motivazione e questa è la parola chiave di tutto. Poiché in realtà la parte non "garantita" dalla dieta è sicuramente il rientro a una alimentazione "normale" e salutare senza riprendere peso, potrebbe far diventare tutta la dieta una piccola fregatura. In realtà si parla benissimo di questa dieta perché effettivamente si, fa perdere peso, ma nel lungo periodo è ancora una dieta valida? Boh io non ne ho idea, non conosco nessuno che è riuscito a portare avanti questo progetto per molto tempo!
    Insomma l'esercizio fisico è sicuramente di vitale importanza perché anche se non si perderanno 30 kg facendo delle camminate veloci, sicuramente si metterà in azione tutto l'organismo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sai, mantenere il risultato è il problema di un po' tutte le diete: alla fin fine quando raggiungi il tuo obiettivo hai il (sacrosanto) desiderio di tirare un po' il fiato, di premiarti, di concerti quello che per tanto tempo ti sei negato. che ci sta tutto, il vero problema è che se la causa del sovrappeso erano abitudini sbagliate, è logico che a mollare la presa finisci poi per riprendere i kg persi..

      Elimina

Your comments feed my blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...