Lezioni di lingua (sezione gastronomia)

Ragazze mie, vedete di seguirmi perché qui l'argomento è scottante...

Negli ultimi giorni, a seguito dello swap gastronomico con Vale e Simona, abbiamo scoperto che in questo Paese esiste una varietà pressoché sterminata di formaggi, salumi e prelibatezze varie. Fin qui niente di strano, in fondo si sa che in Italia si mangia meglio che da qualsiasi altra parte nel mondo..

Il problema nasce dal fatto che nelle varie regioni (e sospetto anche di paese in paese) si usano le stesse parole per indicare cibi diversi, oppure che esistono decine di nomi per indicare una stessa cosa.. un casino che non finisce più!!!

Certa che queste informazioni saranno preziosissime per chiunque di voi si appresti a spostarsi anche solo di 20 km da casa propria, vi comunico i risultati delle nostre ricerche: ovviamente ogni approfondimento sarà graditissimo!!!

Il SALAME a Napoli e in Trentino è un salume stagionato che si taglia a fette, mente la SALSICCIA è un prodotto da macellaria che va cucinato prima di mangiarlo. Attenzione: in Trentino lo chiamano SALAME anche se è fresco e non stagionato.
In Sardegna però il SALAME si chiama SALAME se lo affetta il salumiere, ma diventa SALSICCIA se te lo porti a casa e lo tagli al coltello.
A 'sto punto come si chiamerà la SALSICCIA in Sardegna? Risposta: SALSICCIONE, anche se non parliamo di una SALSICCIA extralarge, ma di una standard.
In tutta Italia poi esiste il SALAME milanese, ma in Sicilia trovate anche il SALAME napoletano, che a Napoli ovviamente non esiste. Sul SALAME milanese e le sue differenze con il SALAME ungherese è in atto un violento dibattito: secondo una prima scuola di pensiero (trentina, e quindi logisticamente più affidabile) il SALAME ungherese differisce per essere affumicato, mentre secondo la scuola sarda la differenza sta solo nella granatura. La sottoscritta non si esprime, sono SALAMI che non mangio e mi interessano.
Passando ai formaggi, In Trentino la PROVOLA è una specie di CACIOCAVALLO di media stagionatura, esistente nelle due versioni normale e affumicata, ma non fresca come la PROVOLA napoletana.
Al contrario in Sicilia il termine PROVOLA indica qualsiasi tipo di formaggio non stagionato, con grande rabbia della sottiscritta, che, da napoletana, sa che la PROVOLA è la versione affumicata del FIORDILATTE, il quale, a sua volta, viene erroneamente chiamato MOZZARELLA nel resto d'Italia, grazie ai magheggi dei produttori di quella specie di FIORDILATTE sintetico che viene venduto imbustato. La MOZZARELLA, ribadiamo, è solo quella di bufala. Addirittura scopro che a Milano chiamano MOZZARELLA anche quei panetti gommosi che usano pizzerie e bar per preparare pizze e CAPRESI.
Attenzione, però: la CAPRESE in giro per il mondo è un'insalata di MOZZARELLA e pomodori. A Napoli (e magari a Capri?) è anche una torta a base di mandorle e cioccolata.

9 commenti :

  1. beh mi è venuta una fame!?!?!?!?!?
    ARGH!

    RispondiElimina
  2. Anonimo12:33

    specifico che per noi la Salsiccia è solo quella sarda fatta ad U :o)
    pimpi

    RispondiElimina
  3. Anonimo13:02

    vuoi un pò di complicazioni?
    salame, è quello normale
    salamella è quello un pò più grande e il salametto (chiamato anche salamino) è quello piccolo.
    la salsiccia...boh...diventa anche wienerli o bratwurst.
    x i formaggi nn mi pronuncio....
    mi pare che vendano la provola (che forse chiamano provolone) e la mozzarella è mozzarella. Con pizza caprese o insalata caprese se aggiungi il pomodoro
    bacio
    karin

    RispondiElimina
  4. e la luganega? sempre salsiccia è!
    A Ferrara la salsiccia si mangia cotta oppure un po stagionata tagliata a fettine come il salame; il salame di divide in:
    "salame nostrano" che tagli a fette in versione stragionato e no (e li via di battute se il salame lo preferisci tenero o duro, riferito alla stagionatura) che diventa ZIA FERRARESE o GENTILE a seconda della forma che gli danno quando lo insaccano (e di conseguenza anche il sapore),
    oppure c'è il SALAME DA PENTOLA che si cuoce a vapore e anche qui si divide in BUONO o COTECHINO.
    La mozzarella di default è quella di mucca, se vuoi quella di BUFALA la chiedi di BUFALA!

    RispondiElimina
  5. ....a me inizia a girare la testa con tutto stò casino!!! eh..eh..eh..
    Tra l'altro il salame c'è macinato fine o grosso.... il salame Milano è a grana fine.
    Sui formaggi non mi pronuncio.....ma come ha scritto lasimo, quassù se vuoi la mozzarella di bufala, la chiedi di bufala se no ti danno quella classica di mucca.
    ....evviva la dieta!!! ;oP
    danny*

    RispondiElimina
  6. Anonimo23:14

    beh...in dialetto è la lüganiga, e di solito la fai bollire oppure alla griglia! ma sempre lüganiga resta!

    Chiesto info...parlando di formaggi, quello che voi chiamate Groviera, noi chiamiamo Emmenthal...
    Sciau
    Ka

    RispondiElimina
  7. lo vedete che è proprio complicata????

    RispondiElimina
  8. Beh, io da sarda ti posso dire che la salsiccia è salsiccia e basta, sia che la compri dal macellaio e quindi è quella fresca da cucinare, sia che la compri dal salumiere e quindi stagionata, rigorosamente a forma di U (quella stagionata)

    RispondiElimina
  9. In provincia di Parma come salame... esiste anche lo strolghino che mi dicono essere fatto con gli scarti della lavorazione del culatello.. e il salame non e' affumicato come il ns napoletano... detto tra noi :-) io continuo a preferire il salame napoletano... e poi Iole vogliamo dimenticare il caffe'??? possibile che anche in casa non si riesca a preparare qualcosa degno di questo nome??? ma che da noi vendano le macchinette geneticamente modificate.. o e' l'acqua leggermente aromatizzata alla diossina a renderlo piu' buono??? :D

    RispondiElimina

Your comments feed my blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...