Project Life 2016

Mi sa proprio che, nonostante vi trituri regolarmente le.. scatole.. con le foto del mio project life, non vi abbia mai fatto vedere gli album dall'esterno.

Il 2016 sarà il quarto anno consecutivo di PL e nel tempo un po' di cambiamenti si sono avvicendati.

Nel 2013 ero partita sul classico: un albm 12x12 della We R, con all'interno quasi esclusivamente page protectors del design A. 4 foto grandi, 4 foto piccole, regolare, settimana dopo settimana.












Nel 2014 ho mantenuto lo stesso formato, ma ho intervallato gli interni introducendo le foto quadrate (che per me, assidua frequentatrice di Instagram, era fondamentale).
Anche la cadenza delle pagine è rimasta quella settimanale.






Nel 2015 mi sono resa conto che il formato 12x12, bellissimo a vedersi, è però fondamentalmente scomodo ad archiviarsi (tanto che i due album di sopra non mi hanno seguito nel trasloco e ancora aspetto di capire dove collocarli). Quindi sono migrata sul formato A4 con un album Studio Calico che però non mi ha molto soddisfatta (ho sempre timore che il tessuto si scolli).
Quello che finora ho sempre mantenuto è la regolarità della narrazione, settimana dopo settimana.





E così arriviamo al 2016 che sta per partire..

Dopo tre anni ho capito che per non annoiarmi e non procedere in maniera troppo meccanica avevo bisogno di un po' di cambiamenti, e quindi sono partita proprio dal formato, acquistando questo meravigliosissimo album disegnato da Ashely Goldberg per la collezione Goldie di Studio Calico:

Le dimensioni sono 6x8, ossia circa 15x20 cm, quindi molto più piccole di quello a cui sono abituata. Di buono c'è che l'album ha un bello spessore, quindi spero di poterci comunque lavorare molto.
Ho anche deciso di non rispettare più la cadenza settimanale, ma di andare free, sulla base delle foto che avrò e delle storie che vorrò raccontare.

Non voglio neanche essere troppo regolare con gli inserti: ultimamente ho sperimentato l'inserimento di roba di tutti i tipi negli album e mi è piaciuto un sacco.. oltre naturalmente alla voglia di dare più spazio ai testi, avvicinandolo alla logica di un diario.. vedremo!

Questa decisione ha i suoi pro (sentirsi liberi è bellissimo e assai più creativo) ma anche i suoi contro (rischio seriamente di lasciarmi andare e trascurare l'album): vedremo come evolve il tutto.

L'album è arrivato con 6 bellissime transparencies a motivi dorati che fanno da segnalibro. Epperò sono 6, quindi non posso utilizzarle per i mesi.. Certo, se in corso d'opera mi rendessi conto di aver bisogno di un secondo album per completare il 2016 potrei usare le transparencies per i primi 6 mesi, ma se così non fosse... boh!? Non ho proprio idea su come altro utilizzarle..

Insomma, come al solito più che altro è un armiamoci e partiamo: poca programmazione, molte idee abbastanza confuse..


Nessun commento :

Posta un commento

Your comments feed my blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...