ustioni e brioches

La faccio breve: da ragazzina abitavo in riva al mare, per cui ci sguazzavo per circa quattro mesi l'anno e non ho mai avuto problemi di scottature. Da qualche tempo, invece, la situazione è peggiorata e l'estate scorsa, grazie a un'ora scarsa di esposizione (lo ammetto: l'orario era infelice) con protezione (ammetto anche questo) bassina, ho rimediato una bella ustione di secondo grado, a rischio flebite e bolle di pus su tutta la gamba sinistra. Addio mare e due settimane intere a casa senza poter appoggiare il piede per terra.
Quest'anno quindi mi sono armata di protezione 30 (mi sono anche fatta le treccine come la bimbola riprodotta sulla confezione) e - miracolo - ho convinto Daniele a scendere in spiaggia con me.
Oh, il mare qui mi piace un sacco!

("qui" sta per S.Leone, Agrigento, Sicilia occidentale, che per me non è manco tanto occidentale, ma loro dicono così)

Innanzitutto è tutta spiaggia libera, sabbia, mare pulito, spazio a sufficienza per non dover appiccicare il proprio telo a quello dei vicini.
Niente bambini urlanti, niente tamburellesti a piede libero, parcheggio facile e chioschetti dalle tariffe abbordabili.

Non ci crederete, ho rimediato comunque una solenne scottatura.
Però dai, non è tutta colpa mia.. a quante di voi è mai venuto in mente di mettere la protezione SULLE ORECCHIE?!?!??!
Ma ditemi voi se non è sfiga questa..

Ahhhhh la brioche del titolo!!! E cioè il mio pranzo preferito una volta che si va via dalla spiaggia! :)
Avete presente quelle appena sfornate, aperte a metà e riempite con kg e kg di morbido gelato rigorosamente doc (gli anni passati avevo una specie di abbonamento al gusto "pasqualino", alias un misto di mandorle e pistacchio, quest'anno ho scoperto il pecorino.. che suona raccapricciante, ma alla fine non è altro che il ripieno della cassata reso gelato... yummmmm!)?

9 commenti :

  1. Eheh, io me lo ricordo di mettermi la crema su orecchie e piedi perché un'estate mio padre e mio fratello se li sono scottati solennemente, e in contemporanea!
    Buona continuazione e salutami la Sicilia, che adoro e ho visitato.
    Veronica

    RispondiElimina
  2. Anonimo11:03

    e attenta alle treccine!!!!
    io quando vado in montagna ho sempre le trecce, e sistematicamente mi ustiono la testa proprio dove faccio la riga x dividere i capelli!!!!
    Ciaiociao Karin

    RispondiElimina
  3. Beh dai, per consolarti della scottatura puoi mangiare una brioche in +...e stai attenta anche alla pelle tra le dita (mani e piedi) quando ti spalmi la crema, anche lì ci si può scottare...
    baciotti
    beba

    RispondiElimina
  4. azz, ma siete delle esperte dei posti impensabili... e mi verrebbero tante battutacce...

    comunque nel post ho dimenticato di menzionare la cosa più importante: che la suddetta brioche ripiena di gelato costa solo 1.50 eurini (a casa non si scende sotto i 2.50, e per di più la brioche è di quelle preconfezionate e di gelato mi danno due misere pallette)

    RispondiElimina
  5. mi è giunta voce di gente che si è scottata la lingua per essersi addormentata al sole con la bocca aperta...

    RispondiElimina
  6. e vabbè, ma queste sono leggende metropolitane, dai..

    RispondiElimina
  7. Anonimo15:36

    I really enjoyed looking at your site, I found it very helpful indeed, keep up the good work.
    »

    RispondiElimina
  8. Anonimo20:08

    Great site loved it alot, will come back and visit again.
    »

    RispondiElimina
  9. Anonimo23:53

    Best regards from NY! here

    RispondiElimina

Your comments feed my blog!